Accedi al sito
Serve aiuto?

News

Edilizia « Indietro

Titolo del provvedimento: 
Riordino della finanza degli enti territoriali a norma dell'articolo 4 della legge 23 ottobre 1992, n. 421. 
(Pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 305 del 30/12/1992 - supplemento 
ordinario) 
adottata deputati riunione Ministri 
immobili 
Preambolo. 
Testo: in vigore dal 01/01/1993 
Preambolo 
Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione; Visto l'articolo 4 della legge 23 ottobre 1992, n. 421; Vista la preliminare deliberazione del Consiglio dei Ministri, 
nella riunione del 24 novembre 1992; Acquisito il parere delle Commissioni permanenti della Camera dei 
e del Senato della Repubblica; Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella 
del 23 dicembre 1992; Sulla proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri e dei 
dell'interno e delle finanze, di concerto con il Ministro del tesoro; E MA NA 
il seguente decreto legislativo: 
art. 1 
Istituzione dell'imposta. Presupposto. 
Testo: in vigore dal 01/01/1993 
Istituzione dell'imposta - Presupposto 1. A decorrere dall'anno 1993 e' istituita l'imposta comunale sugli 
(I.C.I.). 2. Presupposto dell'imposta e' il possesso di fabbricati, di aree 
fabbricabili e di terreni agricoli, siti nel territorio dello Stato, a qualsiasi uso destinati, ivi compresi quelli strumentali o alla cui produzione o scambio e' diretta l'attivita' dell'impresa. 
art. 2 
Definizione di fabbricati e aree. 
Testo: in vigore dal 01/01/1993 
Definizione di fabbricati e aree 1. Ai fini dell'imposta di cui all'articolo 1: 
a) per fabbricato si intende l'unita' immobiliare iscritta o essere iscritta nel catasto edilizio urbano, considerandosi parte integrante del fabbricato l'area occupata dalla costruzione e quella che ne costituisce pertinenza; il fabbricato di nuova costruzione e' soggetto all'imposta a partire dalla data di ultimazione dei lavori di costruzione ovvero, se antecedente, dalla data in cui e' comunque utilizzato; 
che deve 
b) per area fabbricabile si intende l'area utilizzabile a scopo edificatorio in base agli strumenti urbanistici generali o attuativi ovvero in base alle possibilita' effettive di edificazione determi- nate secondo i criteri previsti agli effetti dell'indennita' di espropriazione per pubblica utilita'. Sono considerati, tuttavia, non fabbricabili i terreni posseduti e condotti dai soggetti indicati nel comma 1 dell'articolo 9, sui quali persiste l'utilizzazione agro- silvo-pastorale mediante l'esercizio di attivita' dirette alla coltivazione del fondo, alla silvicoltura, alla funghicoltura ed all'allevamento di animali. Il comune, su richiesta del contribuente, attesta se un'area sita nel proprio 
Pagina 1 
Servizio di documentazione tributaria 
Decreto Legislativo del 30/12/1992 n. 504 
territorio e' fabbricabile in base ai criteri stabiliti dalla presente lettera; 
c) per terreno agricolo si intende il terreno adibito all'esercizio delle attivita' indicate nell'articolo 2135 del codice civile. 
Soggetti passivi. 
Testo: in vigore dal 01/01/2001 
art. 3 
1. Soggetti passivi dell'imposta sono il proprietario di immobili di cui al comma 2 dell'articolo 1, ovvero il titolare di diritto reale di usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie, sugli stessi, anche se non residenti nel territorio dello Stato o se non hanno ivi la sede legale o amministrativa o non vi esercitano l'attivita'. 
2. Per gli immobili concessi in locazione finanziaria, soggetto passivo e' il locatario. In caso di fabbricati di cui all'articolo 5, comma 3, il locatario assume la qualita' di soggetto passivo a decorrere dal primo gennaio dell'anno successivo a quello nel corso del quale e' stato stipulato il contratto di locazione finanziaria. Nel caso di concessione su aree demaniali soggetto passivo e' il concessionario. 
Soggetto attivo. 
Testo: in vigore dal 01/01/1993 
art. 4 
Soggetto attivo 1. L'imposta e' liquidata, accertata e riscossa da ciascun comune per gli 
immobili di cui al comma 2 dell'articolo 1 la cui superficie insiste, interamente o prevalentemente, sul territorio del comune stesso. L'imposta non si applica per gli immobili di cui il comune e' proprietario ovvero titolare dei diritti indicati nell'articolo precedente quando la loro superficie insiste interamente o prevalentemente sul suo territorio. 
2. In caso di variazioni delle circoscrizioni territoriali dei comuni, anche se dipendenti dalla istituzione di nuovi comuni, si considera soggetto attivo il comune nell'ambito del cui territorio risultano ubicati gli immobili al 1› gennaio dell'anno cui l'imposta si riferisce. 

 
Fonte: Internet